...
🛫 Leggi di più su infobusiness, alfabetizzazione finanziaria, crescita personale. Affari su Internet, affari su Internet, investimenti, guadagni, professioni, investimenti redditizi, depositi. Storie di successo, auto-sviluppo, crescita personale.

Quali sono i rischi di investimento e come gestirli correttamente?

3

Quando scelgono gli investimenti, molti investitori alle prime armi prestano prima di tutto attenzione alla redditività: più è alta, più attraente sembra l’opzione di collocare denaro. Ma è importante ricordare una semplice regola: il rendimento è sempre direttamente proporzionale al rischio. Maggiore è l’interesse promesso, maggiore è la probabilità di perdere denaro. È quasi impossibile evitare completamente i rischi di investimento, ma puoi imparare a ridurli al minimo. Tratteremo i principali metodi di gestione del rischio in questo articolo.

Quali sono i rischi per gli investitori privati?

La situazione del mercato azionario dipende da molti fattori, dallo stato dell’economia globale all’agenda delle notizie attuali. L’imprevedibilità è la principale fonte di rischi con cui tutti gli investitori devono fare i conti.

I rischi di investimento possono essere suddivisi in macro-rischi e micro-rischi. I primi sono legati a fattori macroeconomici o politici, mentre i secondi sono legati a specifici emittenti o strumenti negoziati in borsa.

I rischi macro includono:

  • Il rischio sistemico è il rischio che si estende all’intero mercato nel suo complesso e interessa tutti gli strumenti finanziari. Ad esempio, il rischio di default o la caduta dell’economia del Paese nel suo complesso.
  • Il rischio regionale è la probabilità di deterioramento della situazione economica in una determinata regione. Questo rischio è particolarmente importante da considerare per i proprietari di obbligazioni municipali, nonché per le azioni di imprese che formano città.
  • Rischio di settore: il rischio di una situazione sfavorevole in un determinato settore. Ad esempio, a causa della pandemia di coronavirus, le aziende operanti nei settori petrolifero, aeronautico, turistico e di altro tipo sono state sotto pressione. I proprietari delle loro azioni hanno dovuto affrontare un calo delle quotazioni.

Il gruppo dei micro-rischi comprende:

  • Il rischio di liquidità è l’impossibilità di vendere uno strumento di investimento in modo rapido e senza perdite significative. Si verifica a causa della bassa domanda di un bene o di una grande differenza tra il tasso di acquisto e quello di vendita.
  • Rischio di credito – implica la perdita di denaro a causa dell’insolvenza dell’emittente. Sia gli obbligazionisti che i detentori di azioni sono esposti a questo rischio: se la società emittente fallisce, potrebbero non rimanere senza nulla.
  • Il rischio di cambio è il pericolo di perdite da operazioni di cambio dovute a una variazione sfavorevole del prezzo di un bene.

Separatamente, vale la pena evidenziare i cosiddetti rischi monetari: sono inerenti non solo agli investimenti, ma anche a qualsiasi altra transazione finanziaria. Questo gruppo di solito include i rischi di inflazione, valuta e tasso di interesse:

  • Il rischio di inflazione è il rischio che l’inflazione superi il rendimento del tuo portafoglio di investimenti.
  • Il rischio di cambio è la possibilità di perdere denaro a causa di fluttuazioni avverse dei tassi di cambio. Ad esempio, se mantieni tutti i tuoi risparmi in USD, il principale fattore di rischio sarà il deprezzamento della valuta nazionale.
  • Il rischio di tasso di interesse è il rischio di perdita dovuto a variazioni avverse dei tassi di interesse. Allo stesso tempo, sia un aumento che una diminuzione delle tariffe possono portare a perdite: tutto dipende dalle specifiche della transazione.

A seconda della causa dell’evento, i rischi possono essere anche economici, politici, tecnologici, sociali, legali.

Come gestire i rischi di investimento

Negli investimenti, è importante comprendere chiaramente a quali rischi esponi il tuo capitale investendo in un determinato strumento, nonché valutare correttamente le potenziali perdite e, se possibile, ridurle. Ecco alcuni modi per ridurre il rischio di investimento:

  • Diversifica i tuoi investimenti. Per proteggere il portafoglio da forti ribassi, dovrebbe essere opportunamente diversificato. Distribuisci i risparmi tra diversi strumenti: azioni, obbligazioni, depositi, fondi comuni di investimento. Più sono diversi gli asset, meno è probabile che la caduta di uno di essi colpisca l’intero portafoglio. E affinché il tuo capitale non dipenda dalla situazione in un determinato settore, è consigliabile investire in società di aree diverse. Quando alcune aree sono in declino, altre stanno crescendo attivamente, come dimostra chiaramente l’attuale crisi. Un’altra importante regola di diversificazione è la distribuzione del denaro tra paesi e valute. La diversificazione geografica riduce l’esposizione del portafoglio a questioni politiche ed economiche in un determinato paese, mentre la distribuzione valutaria protegge dalle fluttuazioni dei tassi di cambio.
  • Usa gli ordini stop loss. Se pratichi investimenti a breve termine, questo strumento può essere molto utile. Uno stop loss è un’istruzione a un broker di vendere automaticamente i titoli se le loro quotazioni scendono a un certo valore. Ciò consente di limitare le perdite a un livello accettabile. Ad esempio, hai acquistato azioni a $ 25 per azione e hanno iniziato a diminuire drasticamente di prezzo. È inaccettabile che tu abbandoni i titoli di oltre $ 5. Quindi dovresti impostare uno stop loss a $ 20 per titolo. Se le azioni scendono a questo valore, saranno vendute.
  • Segui sempre la strategia scelta. Se investi a lungo termine, incontrerai sicuramente correzioni di mercato. In questa situazione, è importante trattenere le emozioni e continuare a seguire la strategia scelta inizialmente. È importante ricordare che il panico e la corsa da un asset all’altro portano più perdite che guadagni alla fine e, a lungo termine, il mercato azionario sale.
  • Prestare attenzione al livello di rischio dei prodotti finanziari. Alcuni strumenti di investimento hanno un livello di rischio predeterminato. Ad esempio, gli ETF negoziati sulla borsa di Mosca sono contrassegnati su una scala da 1 a 7, dove 1 è il più affidabile e 7 è il fondo più rischioso. Con l’aiuto di questa marcatura è impossibile valutare l’entità assoluta del rischio, ma è possibile confrontare diversi strumenti e scegliere quello più adatto.
  • Investi in strumenti comprensibili. Se non capisci come funziona un bene, è meglio abbandonarlo o studiarlo attentamente prima di investire denaro.
  • Ribilancia regolarmente il tuo portafoglio. Nel tempo, il rapporto tra le attività in un portafoglio può cambiare, rendendolo più prudente o rischioso. Per mantenere un livello ottimale di rischio di investimento, a volte è necessario ribilanciare il portafoglio, ovvero riportare la percentuale di asset ai valori originari.

Come sapere quale livello di rischio è giusto per te

Prima di iniziare a investire, decidi i tuoi obiettivi. Il livello di rischio accettabile per te dipenderà in gran parte da loro. Ad esempio, se hai meno di 30 anni e vuoi risparmiare per una vecchiaia confortevole, puoi rischiare e investire in azioni. In caso di guasto, avrai tempo per compensare le perdite utilizzando strumenti conservativi. Se hai più di 50 anni, le azioni diventano troppo rischiose per te e dovresti dare la preferenza a investimenti più affidabili.

Il modo più semplice per determinare la tua attitudine al rischio è fare una profilazione del rischio con un broker. Questo è un piccolo test composto da domande sui tuoi obiettivi, sui rendimenti desiderati, sui rischi accettabili e sugli orizzonti di investimento. Conoscere il tuo profilo di rischio ti renderà più facile scegliere i giusti veicoli di investimento.

Cosa ricordare

  1. Non è possibile investire senza rischi, ma puoi tenerlo sotto controllo e persino ridurlo al minimo.
  2. Esistono diversi modi per ridurre il rischio, tra cui: diversificare gli investimenti, seguire la strategia scelta, utilizzare ordini stop, riequilibrare il portafoglio in modo tempestivo.
  3. Per capire quale livello di rischio è accettabile per te, determinare gli obiettivi e i termini di investimento e anche eseguire la profilazione del rischio con un broker.
Fonte di registrazione: zen.yandex.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More