🛫 Leggi di più su infobusiness, alfabetizzazione finanziaria, crescita personale. Affari su Internet, affari su Internet, investimenti, guadagni, professioni, investimenti redditizi, depositi. Storie di successo, auto-sviluppo, crescita personale.

Gli affari non vanno: cosa fare per avviarli

4

Gli affari possono o non possono andare. Perché sta succedendo questo, perché il business non va? Se la conversazione andasse in un contesto diverso, le parole "perché ne vale la pena" causerebbero gioia piuttosto che dolore, perché in alcuni casi la parola "vale la pena" mostra semplicemente che va tutto bene. Tuttavia, quando si tratta di affari, la parola "valore" ha un’impronta negativa, perché un’azienda in piedi non porta al suo proprietario nient’altro che mal di testa e esaurimenti nervosi.

Gli affari non dovrebbero fermarsi, gli affari dovrebbero svilupparsi, perché il denaro viene investito negli affari e il denaro dovrebbe fare soldi, il che è impossibile con un’attività in piedi. Solo un business dinamico e in via di sviluppo porta denaro. Affinché un’azienda in piedi possa iniziare a fare soldi, deve essere costretta ad andare, deve ricevere slancio.

Prima di dare slancio al business, devi scoprire il motivo per cui l’attività non sta andando. Vuoi conoscere questo motivo e dare dinamicità al tuo business? Un’opzione è condurre l’ analisi del marchio. Di conseguenza, si otterranno molte informazioni preziose, se non sono sufficienti, è possibile intraprendere altre azioni, discusse di seguito. Molto spesso, questo aiuterà anche a salvare l’azienda.

Oltre ai problemi con il marchio, la stagnazione degli affari è spesso associata al fatto che lo stato ne impedisce lo sviluppo. Si ritiene che gli affari non vadano solo perché lo stato mette i raggi nelle sue ruote e se questi bastoncini vengono rimossi, gli affari andranno. Questa è un’opinione abbastanza comune, condivisa dall’80-90% degli uomini d’affari che hanno problemi negli affari.

Una percentuale così grande di credenti in questa opinione dovrebbe indicare che è vero. In una certa misura è vero, ma non al 100%. Stati come gli Stati Uniti, la Germania e il Giappone non solo non interferiscono, ma forniscono anche tutto il supporto possibile ai loro produttori, ad esempio i produttori di automobili.

Molto spesso gli affari alimentano la corruzione

Tuttavia, nonostante tutto, l’attività associata alla produzione di automobili al loro interno è in realtà in piedi, e talvolta addirittura in calo. Da ciò possiamo concludere che la stagnazione degli affari e l’interferenza del governo negli affari economici non sono sempre collegati, poiché nei paesi sviluppati anche l’assistenza del governo non risolve il problema. Se è così, allora ci deve essere qualche altro motivo.

La corruzione è spesso citata come un altro fattore che influenza lo sviluppo del business. Naturalmente, provoca gravissimi danni economici a città, paesi e imprese. Tuttavia, ancora una volta, nonostante il fatto che nei paesi sviluppati del mondo ci sia una lotta molto dura contro la corruzione, anche molte aziende sono effettivamente presenti.

Ciò significa che la corruzione non è adatta al ruolo di un vero "bastone nella ruota". Certo, può far ristagnare alcune attività specifiche, a volte addirittura distruggerle, ma non è un "blocco nella ruota", tanto più che molto spesso la causa e la fonte della corruzione sono le imprese stesse. Molto spesso gli affari alimentano la corruzione. Molto spesso, alcuni uomini d’affari utilizzano schemi di corruzione per resistere alla concorrenza, eliminando le condizioni di lavoro più favorevoli per se stessi.

In altre parole, la corruzione in realtà non colpisce il settore nel suo insieme, ma colpisce solo aziende specifiche. Si scopre che, proprio come l’intervento statale, la corruzione non è la ragione principale della stagnazione degli affari.

Inoltre, un fattore che, secondo alcuni, può portare alla stagnazione dell’attività, viene spesso citato come la mancanza di un numero sufficiente di personale qualificato in grado di sviluppare e produrre prodotti di qualità. Naturalmente, l’opinione è interessante e logicamente sembra anche corretta, tuttavia, se ci si pensa bene, si scopre che questo fattore, ancora una volta, come la corruzione, colpisce aziende specifiche e non industrie.

Cosa fare se gli affari non vanno

In altre parole, tutte le aziende che vogliono davvero reperire personale qualificato per se stesse, se non nel proprio Paese, poi all’estero, visto che i confini ormai sono effettivamente aperti e, in caso di necessità urgente, è possibile invitare uno specialista di qualsiasi Paese. Pertanto, anche la qualificazione del personale non può essere considerata come un’ancora che non consente all’attività di svilupparsi, il che significa che è necessario continuare a cercare il vero motivo per cui l’attività non va.

Gli affari non vanno: cosa fare per avviarli

Molti attribuiscono la stagnazione degli affari al fatto che le aziende, a causa dell’aumento dei prezzi dei fattori di produzione, devono aumentare il prezzo dei loro prodotti e, di conseguenza, non vendono bene. Naturalmente, il livello del prezzo influenza se un consumatore acquisterà o meno un determinato prodotto, ma se ci provi, puoi trovare un modo per stabilire un prezzo competitivo. È sempre possibile trovare modi per ridurre i costi, poiché ci sono misure più che sufficienti per questo.

Ad esempio, puoi iniziare a produrre beni in paesi con salari bassi. Puoi anche rivedere il processo e ottimizzarlo. Puoi trovare modi per utilizzare materiali più economici. In generale, con un forte desiderio, si riesce sempre a trovare un modo per ridurre il prezzo, il che significa che il suo livello non è determinante e non porta alla stagnazione degli affari, salvo casi molto, molto rari.

Va bene, non tormento più pensieri, ma noterò che la stagnazione di un’attività nel 99% dei casi è dovuta alla mancanza di un numero sufficiente di consumatori, oltre che al fatto che non c’è identità aziendale della società. Sembra essere una risposta banale a una domanda banale. Tuttavia, non tutto è così semplice, ci sono delle sfumature. Non ci sono abbastanza consumatori, perché nessuno li ha creati, e questo è il punto chiave.

Gli affari non vanno quando non c’è nessuno per acquistare beni o servizi. Se decidi di andare a pescare e hai scelto un lago dove non ci sono pesci, puoi fare qualsiasi cosa, ma non catturerai pesci. È lo stesso negli affari: se non ci sono consumatori, fai quello che vuoi, anche se offri un prodotto gratis, ma non potrai venderlo. Puoi rimproverare la natura, i concorrenti, lo stato, ma questo non risolverà il problema.

È chiaro che lo stato, ovviamente, può stabilire alcune misure restrittive, ad esempio può vietare la circolazione di sostanze stupefacenti, o limitare l’età di vendita di bevande alcoliche o sigarette, ad es. a volte il numero dei consumatori è regolato dal governo. Tuttavia, la parte del leone delle merci è in libera circolazione, il che significa che la mancanza di consumatori è associata ad altri fattori, che ora cercheremo di scoprire.

È noto che la base di ogni mercato è l’idea

È noto che la base di ogni mercato è un’idea. Viene introdotto nella mente di una certa parte di persone che alla fine diventano consumatori di beni o servizi e formano un mercato. È chiaro che il numero di persone in cui questa idea può essere introdotta è limitato, e un giorno arriva il momento in cui l’idea è già stata introdotta in ogni persona e, inoltre, è incarnata.

Si scopre che arriva un momento in cui l’idea si esaurisce, il che significa che il mercato che si costruisce sulle sue basi si esaurisce, perché tutti hanno già acquistato questi beni o usufruito di questi servizi e non ne hanno più bisogno. Acquistano beni in un tale mercato solo se il prodotto acquistato in precedenza non funziona. Di norma, per un certo periodo, diciamo un anno, il mercato forma all’incirca lo stesso livello di domanda, e quindi il livello di offerta.

Pertanto, l’azienda di anno in anno produce quasi la stessa quantità di merci e inizia a ristagnare, a causa della quale l’attività non va via. Se prendi per analogia, puoi immaginare un bicchiere d’acqua. Non c’è modo di versarvi più acqua di quanta ne possa contenere; questo può essere fatto solo se l’acqua viene versata fuori dal bicchiere, ad es. se liberi spazio.

Tuttavia, versare l’acqua da un bicchiere non è l’unica opzione. C’è un’altra opzione: prendi un altro bicchiere e versaci dentro dell’acqua. Nel linguaggio del noomarketing, prendere un altro bicchiere significa introdurre una nuova idea sul mercato e costruire un nuovo mercato sulle sue basi. Questa opzione per le imprese è l’unica accettabile, perché non è possibile “drenare l’acqua" dal mercato; non funzionerà togliere le auto ai consumatori per offrirne di nuove in seguito.

Puoi solo prendere un nuovo bicchiere e iniziare a versarci dentro dell’acqua. Di conseguenza, dopo che l’idea è stata introdotta in un numero sufficiente di consumatori, si formerà un nuovo mercato attorno ad essa e verrà creata la domanda di beni che corrispondono a questa idea, il che significa che l’azienda uscirà dalla stagnazione e tornerà dinamica. Ma questo continuerà fino a quando l’idea si esaurirà di nuovo, il che significa che nuove idee dovranno essere introdotte ancora e ancora in modo che l’attività non diventi stagnante.

Fonte di registrazione: noomarketing.net

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More