...
🛫 Leggi di più su infobusiness, alfabetizzazione finanziaria, crescita personale. Affari su Internet, affari su Internet, investimenti, guadagni, professioni, investimenti redditizi, depositi. Storie di successo, auto-sviluppo, crescita personale.

Algoritmo di ricerca e natura del riconoscimento delle relazioni

6

Nonostante gli algoritmi di ricerca stiano migliorando, i tentativi dei motori di capire una persona ricordano le avventure del Boscaiolo di Latta nella Terra Magica di Oz. Per capire cosa vogliono gli utenti e fornire le risposte più accurate alle loro query di ricerca, ai motori SEO manca solo il cuore. Ed è strettamente necessario riconoscere le relazioni.

Ma, mentre i robot di ricerca non hanno ancora trovato la strada per la Terra di Oz, e il Mago non ha dotato le macchine di empatia, sono costretti a eseguire calcoli complessi, formare la propria terminologia e archiviare i dati in enormi librerie al fine di fornire le risposte più accurate a tutti i tipi di richieste degli utenti in base alle informazioni raccolte.

Ma anche se un giorno apparirà un "algoritmo di empatia", influenzerà il lavoro dei motori di ricerca? E quale sarà questo impatto?

Lasciamo domande aperte ad analisti e scrittori di letteratura scientifica e futurologica. Eppure, senza magia, ma non senza avventura, i motori di ricerca hanno cominciato a capirci meglio.

Tempo per contenuti utili e di qualità

Oggi, le chiavi non aprono più le porte che portano alle prime righe dei risultati di ricerca. Autori, giornalisti e blogger escono dal letargo e con rinnovato vigore riempiono lo Spazio dell’informazione digitale con ciò che una volta ricordavamo come notizie, articoli e persino letture di lunga data.

Il segreto del successo è capirsi

Quando eravamo bambini, giocavamo a nascondino. Ora gli adulti che sono cresciuti dai giochi da giardino per bambini sono passati ad altri giochi. Li chiamiamo scherzosamente, nascondino al contrario.

E sebbene il gioco abbia ancora un leader che ha scelto se stesso da cercare, il resto dei giocatori non pensa nemmeno a nascondersi.

Le regole del gioco sono cambiate. Proprio come la piattaforma. Dal nostro cantiere natale, abbiamo trasferito il campo di gioco al World Wide Web. Ora, prima e più persone ti trovano, e più facile è questa ricerca, più soldi guadagnerai.

L’arte dello scorrimento del sito risiede in gran parte nella comprensione di ciò che l’utente desidera.

E può volere qualsiasi cosa, ovunque e in qualsiasi momento. Dopotutto, l’utente è abituato alle informazioni istantanee. Gli studi dimostrano che molto spesso una persona stessa non sa di cosa ha bisogno. E raramente una persona è limitata a una richiesta. Molto spesso, il desiderato si trova dopo 5-6 tentativi di riordinare le parole, selezionare i sinonimi e aggiungere chiarimenti.

Riconoscimento delle relazioni: come lo fanno tutti

E come fanno a sapere così tanto su ciò che ogni utente sta facendo online?

Questa domanda è sempre stata nell’immaginario dei diritti e delle libertà civili, che, ovviamente, dovrebbero essere proprie per Internet. Dal momento che non proprio quei modelli logici e algoritmi che ci sono familiari dalla vita reale operano qui.

Cosa ne pensi di Google?

Ad esempio, pensi che Google ti stia seguendo. E per tutti in generale. Ipoteticamente. E le teorie del complotto sono così logiche e si sommano a una confortevole fisarmonica di paranoia … ma se stessi sviluppando un algoritmo di ricerca, guarderesti questo processo in modo diverso.

Ad esempio, sapresti che tutte le tecnologie esistenti mirano a far sì che gli spider dei motori di ricerca vedano le pagine allo stesso modo di una persona? Ciò semplificherebbe notevolmente il mondo della ricerca.

Se pensi che stia ancora bene, immagina un gatto con cinque zampe e una banana al posto della coda.. se, ad esempio, un bambino dell’asilo dovesse semplicemente indicare una carta con un gatto e, magari, indovinare il razza, quindi gli algoritmi di ricerca non si limitano a scegliere tra le carte. Ed è anche molto divertente. Vorrei scrivere di questo in modo più dettagliato nei materiali successivi sulla SEO.

In principio era la parola. E consisteva di simboli

I motori di ricerca li hanno capiti. Tutto era chiaro fino alla comparsa di Flash. Ma i motori non lo sapevano, perché riconoscere le immagini e capire cosa c’era esattamente su di esse era il passo successivo nell’apprendimento degli algoritmi. È ovvio che era molto necessario. Senza il riconoscimento della presenza e delle relazioni, i file Flash erano "creature di un’altra dimensione" per i motori di ricerca. No. Sul serio.

Ecco un algoritmo che analizza la semantica del sito e salta enormi blocchi di contenuti con video e foto. Quello che ora è così consigliato posizionare. Sei sicuro che il riconoscimento sia configurato sul tuo sito? Per correggere la "cecità" del motore, sono stati sviluppati frame con l’aiuto dei quali i proprietari di siti potevano e possono ancora estrarre contenuti da siti di terze parti. Ma per i motori di ricerca, il contenuto di qualcun altro è rimasto di qualcun altro. Non l’hanno letto. Contano ora e come?

Anche immagini e video erano difficili da capire. Pertanto, in HTML, è diventato possibile incorporare moduli aggiuntivi con questi tipi di dati nelle pagine. Ma anche se questo contenuto è stato incorporato, è rimasto invisibile ai motori di ricerca.

Ma, capisci, questo equivale a dare a una persona una struttura di ferro per determinare la rabdomanzia e altre zone patogene e inviarla alla ricerca di anomalie nel proprio appartamento.

Riconoscimento delle relazioni

Questa è stata la sfida che i motori di ricerca hanno dovuto affrontare circa tre anni fa. Perché non capivano i tipi di informazioni visive. Oggi, alcuni sistemi non solo capiscono, ad esempio, che l’immagine mostra un gatto, ma possono anche integrarlo se lo ritengono opportuno. Ma di questo ne scriveremo un’altra volta.

Dovremmo essere grati al riconoscimento delle relazioni, uno dei primi sviluppatori dell’algoritmo Hummingbird. Con esso, nel 2018, la ricerca di Google ti capisce facilmente, anche se la richiesta è vocale o non immediatamente accurata. E il punto qui è davvero che i motori di ricerca hanno imparato a riconoscere la relazione tra i concetti e ad analizzare la loro vasta libreria per fornire risultati accurati.

Questo è probabilmente il motivo per cui, sulla copertina del libro sull’Arte della SEO di O’Reilly, il colibrì si è bloccato in volo, come se personificasse lo stesso motore di ricerca che entra in contatto con le informazioni sulle nostre richieste regolari, è anche appena percettibile come questo uccellino tocca con il becco un fiore in cerca di polline.

Leggi la letteratura corretta. Lasciati ispirare dai professionisti!

Fonte di registrazione: kakzarabotat.net

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More