...
🛫 Leggi di più su infobusiness, alfabetizzazione finanziaria, crescita personale. Affari su Internet, affari su Internet, investimenti, guadagni, professioni, investimenti redditizi, depositi. Storie di successo, auto-sviluppo, crescita personale.

Addebito, credito, saldo e altre parole spaventose

10

Per una persona lontana dal settore finanziario, la contabilità sarà sempre qualcosa di complicato e poco chiaro, ma tutti conoscono le parole “debito" e “credito”. Molte persone usano questi termini nel linguaggio quotidiano senza nemmeno comprendere appieno cosa significano veramente.

Pertanto, ha senso formulare in un linguaggio comprensibile a un non specialista il significato reale di queste due parole familiari.

Definizione dei termini di debito e credito

Per qualsiasi azienda, il compito principale è quello di realizzare un profitto, pertanto, per il normale funzionamento di qualsiasi impresa, è fondamentale tenere registrazioni accurate di tutti i flussi finanziari, analizzandoli per un determinato periodo di tempo. La legislazione moderna obbliga le imprese commerciali ad avere bilanci trasparenti e verificabili.

L’utile netto dell’impresa è la differenza tra le entrate e le spese totali per il periodo di tempo stimato. Per gli account attivi, un debito è un reddito per loro, un credito è una spesa. Allo stesso tempo, va ricordato che su un conto passivo, un credito è un reddito e una spesa è solitamente chiamata debito.

In breve, un debito può essere chiamato qualsiasi profitto di un’impresa e un credito sono tutte le spese necessarie per l’attuazione delle sue attività. Questi termini furono usati per la prima volta nel Trattato dei conti e dei registri da un monaco francescano e sono ancora i concetti base della contabilità moderna.

La traduzione letterale della parola "debito" sarà "devo" e "credito" è tradotto dal latino come "devo".

Come imparare a capire i calcoli contabili

Nella contabilità moderna, è consuetudine condurre una doppia fissazione delle operazioni eseguite, di conseguenza il calcolo contabile è una tabella composta da due colonne. A destra è consuetudine registrare il reddito e, a sinistra, i consumi.

La doppia iscrizione è un metodo di contabilizzazione di spese e incassi comodo e facilmente verificabile, in cui qualsiasi azione relativa al movimento dei fondi dell’impresa deve essere visualizzata in entrambe le colonne.

Esempio

Per chiarezza, esaminiamo questi concetti con un semplice esempio:

Si ottenga una nuova materia prima, che costa 10.000 unità condizionali.

Dopo una transazione di questo tipo, il commercialista inserirà le informazioni "60 liquidazioni con fornitori" nella colonna del credito e "10 materiali" nella colonna del debito.

Pertanto, i debiti verso il fornitore sono aumentati e allo stesso tempo è aumentata la quantità di materie prime in magazzino: entrambi questi eventi sono adeguatamente riflessi nei documenti contabili.

Qual è la differenza tra debito e credito

Le attività aziendali sono tutte proprietà di un’impresa, compresi i soldi in conti, azioni, passività finanziarie, titoli. Un aumento del credito implica sempre una diminuzione del patrimonio. Di conseguenza, il debito, al contrario, le aumenta. Allo stesso tempo, non importa in cosa esattamente si esprime il profitto: può trattarsi di nuove attrezzature, denaro, azioni o materie prime.

Se il conto è passivo, il prestito mostra un aumento del debito della società. L’addebito, in questo caso, riflette una diminuzione delle obbligazioni di debito. I conti passivi vengono gestiti per registrare le transazioni relative alle fonti di formazione dei fondi aziendali, come stipendi dei dipendenti, tasse varie e molto altro.

Bilancia. Cos’è.

La domanda principale che deve affrontare il contabile è calcolare il profitto effettivo dell’impresa. Ciò è necessario sia per il corretto pagamento delle tasse, sia per un’accurata valutazione della redditività dell’impresa. Per fare ciò, è necessario calcolare la differenza tra credito e debito.

Questa differenza, presa in un determinato periodo di tempo, è chiamata saldo.

Se il reddito supera le spese, viene visualizzato come saldo a debito in un conto attivo. In caso contrario, a spese maggiori del profitto, questo valore apparirà sul conto passivo sotto forma di saldo a credito. Questo metodo semplice e logico aiuta a valutare lo stato locale dei conti dell’azienda per un determinato periodo di tempo. Questo è molto conveniente per l’analisi dello sviluppo del business. Ovviamente, con un debito maggiore di un credito, l’impresa è redditizia.

Per valutare la redditività di un’impresa, è consuetudine calcolare questa differenza una volta all’anno e non tenere conto dei valori intermedi. Così, nel linguaggio del profano, questi termini denotavano entrate e uscite, i parametri necessari per calcolare il profitto reale.

Fonte di registrazione: zen.yandex.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More